Preventivo avvocato: ecco tutti i nodi da sciogliere

L’obbligo di mettere per iscritto il preventivo avvocato può, a prima vista, sembrare una soluzione finalmente definitiva per porre fine alla diverse controversie che nascono in seguito a terminazione anticipata del rapporto tra avvocato e cliente, oppure per via di spese aggiuntive dovute a sviluppi successivi in una causa. In realtà, la situazione è molto più complessa, proprio per via della parola “obbligo”, che di fatto costringe il professionista a quantificare una previsione dei costi prima che questi possano essere effettivamente valutati. Già nel 2012 la Legge Professionale (247/2012) aveva introdotto il preventivo scritto su richiesta del cliente; ora l’obbligo impone, a prescindere, una valutazione della prestazione non sempre basabile su standard fissi.

Quali rischi sono legati all’obbligo scritto del preventivo avvocato

Se il cliente chiede assistenza ad un avvocato per prestazioni molto semplici come la stesura di una lettera o il ricorso per una multa, è possibile da subito calcolare costi e compensi per un preventivo preciso e definitivo.

In altri casi, facenti parte sia del diritto civile che di quello penale, si seguono percorsi che non possono essere sempre previsti nelle prime fasi, figuriamoci durante un colloquio conoscitivo tra avvocato e cliente.

Per fare un esempio, nel penale, un caso può andare in archiviazione già nella fase preliminare oppure passare attraverso tutti e tre i gradi di giudizio. Com’è possibile prevedere e valutare una delle possibili situazioni intermedie?

Ecco che il rischio maggiore è la probabilità elevata che vengano proposti preventivi completamente deregolati, che possono o nuocere l’avvocato se la prestazione si rivelasse più lunga e impegnativa del previsto o il cliente nell’ipotesi in cui il processo scorra secondo un iter rapido.

Un altro rischio è la possibilità che il preventivo avvocato, di fatto un contratto secondo le nuove disposizione, diventi oggetto di contenzioso se una delle due parti non rispettasse gli accordi.

Sono prodromi di una tensione tra clienti e avvocati, una situazione paradossale tra due soggetti che dovrebbero fare della collaborazione e della complicità la loro arma vincente.

Potrebbero interessarti anche...